Quando si acquista un pavimento non tralasciamo di considerare una caratteristica tecnica molto importante, la resistenza all’abrasione. Si tratta dela resistenza che la superficie della piastrella oppone all’usura determinata dal contatto con i vari materiali quali le suole delle calzature in una abitazione o in un ufficio ma anche mobili, sedie, carrelli ed altri veicoli e perfino le stesse attività di pulizia con strofinacci, scope, detersivi in polvere. Chiaramente questo elemento diventa di grande importanza se stiamo pavimentando un locale ad uso commerciale o comunque pubblico, dove pertanto il “traffico” è davvero alto e il pavimento, se non resistenze, potrebbe rovinarsi in breve tempo.

Gli effetti della abrasione possono essere di due tipi:

  • asportazione e consumo della superficie della piastrella
  • alterazione delle caratteristiche estetiche, con variazione di colore e perdita di brillantezza.

Va sottolineato il fatto che, aldilà degli effetti estetici immediati, la perdita di materiale causata della abrasione ha come conseguenza un certo indebolimento strutturale della superficie e la comparsa di porosità e piccole fessure che espongono la piastrella allo sporco e all’umidità.
La misura della resistenza alla abrasione viene fatta in laboratorio e per quanto concerne le piastrelle smaltate risulta in una loro assegnazione ad una classe di resistenza all’abrasione indicata dal valore crescente dell’indice PEI, da un minimo di 0 per le piastrelle meno resistenti ad un massimo di 5 per quello più resistenti.

Da ricordare: una piastrella in classe PEI 0 non è qualitativamente inferiore ad una in classe PEI V: semplicemente la loro destinazione d’uso sarà differente. Nel primo caso l’utilizzo della piastrella come pavimentazione è ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO, nel secondo caso queste piastrelle saranno ideali per un traffico pedonale intenso con sporco abrasivo. In particolare a secondo del PEI si consigliano i seguenti usi:

PEI 0, si sconsiglia l’uso a pavimento
PEI 1: aree soggette a basso calpestio, solo con scarpe a suola morbida o piedi nudi (ad es. bagni e camere da letto in edifici residenziali, senza accesso diretto dall’esterno)
PEI 2: aree soggette a calpestio solo con scarpe pulite o poco sporche (ad es. stanze zona giorno di abitazioni private ad eccezione di cucine, ingressi ed altre stanze ad alto traffico o di immediato accesso dall’esterno)
PEI 3: possibile un uso a pavimento in tutta la casa
PEI 4: può essere utilizzata in tutti gli ambienti domestici e commerciali normali
PEI 5: può essere utilizzata in tutti gli ambienti, compreso il commerciale pesante (centri commerciali, sale di aeroporti, ingressi di hotel etc.).

Per usi particolarmente intensi (ad es. ambienti con passaggio di carrelli o altri mezzi, garages etc) si consiglia di utilizzare piastrelle in gres porcellanato non smaltato.