Determinazione della quantità d’acqua piovana che è possibile captare in un anno.
Formula di calcolo

S x Y x P x Hfil

dove:

Simbolo Unità di misura Significato Note
S Sommatoria delle superfici captanti Corrisponde alla superficie della proiezione orizzontale (comprese grondaie, superfici captanti pensiline, tettoie eccetera e della parte effettivamente esposta di balconi,
balconi eccetera) di tutte le superfici esposte alla pioggia
Y % Coefficiente di deflusso

Considera la differenza tra l’entità delle precipitazioni che cade sulle superfici del sistema di raccolta e la quantità d’acqua che effettivamente affluisce verso il sistema di accumulo; dipende da orientamento, pendenza, allineamento e natura della superficie di captazione.

Natura della superficie

Coeff.di deflusso%

tetto duro spiovente*

80-90

tetto piano non ghiaioso

80

tetto piano ghiaioso

60

tetto verde intensivo

30

tetto verde estensivo

50

superficie lastricata

50

asfaltatura

80

P mm Altezza delle precipitazioni (afflusso) Varia in maniera anche notevole per ogni località di un territorio; i dati aggiornati si possono ricavare dagli annuari del Servizio Idrografico del Ministero dell’Ambiente. Il dato medio per l’Italia equivale ad un afflusso di circa 990 mm/anno.
Hfil % Efficacia del filtro Bisogna impiegare le indicazioni fornite dal produttore e riguardanti la frazione del flusso d’acqua effettivamente utilizzabile a valle
dell’intercettazione del filtro.

* secondo la capacità di assorbimento e la rugosità

Esempio pratico di calcolo

Applicando la formula al caso di un edificio avente 200 m2 di superficie di captazione, con tetto in lamiera, situato nel bacino del Triveneto (afflusso 1160 mm ca.) e dotato di filtro con efficacia del 95%, otteniamo un apporto di acqua piovana pari a:

200 m2 x 0,9 x 1160 x 0,95 = 198.360 litri/anno<–>