Sperian è testimone dell’evoluzione del mondo professionale e della sempre crescente presenza femminile nell’industria. Oggi, in Francia, l’Azienda lancia un grande ed innovativo concorso con l’obiettivo di trovare una donna “Speciale”, lavoratice e fruitrice di DPI che possa diventare la testimonial della prossima campagna pubblicitaria Sperian.

Eletta da una giuria di esperti e internauti, tra i quali il noto fotografo Oliviero Toscani, la donna Sperian diventerà l’emblema della femminilità di un mondo professionale in pieno cambiamento e di una maggiore uguaglianza, nel rispetto della diversità, anche sul lavoro.

Sicurezza delle donne: una priorità
La sicurezza delle lavoratrici resta più che mai una priorità. Le donne rappresentano oggi circa il 46 % della popolazione attiva, contro il 28 % negli anni ’60 e, attualmente, la percentuale di infortuni che riguardano le donne è pari al 28,6% del totale. (Fonti ISTAT/INAIL). Indossare per un’intera giornata di lavoro dispositivi di sicurezza può essere demotivante e frustrante per una donna e, proprio per questo, Sperian ha da tempo deciso di creare un’equipe di ricercatori dedicata allo sviluppo di nuove soluzioni per il mondo femminile per poter dare risposte concrete a tutte quelle donne che necessitano di dispositivi di sicurezza più confortevoli, che si adattino meglio alle loro esigenze ma, soprattutto, che rispettino le loro peculiarità e la loro femminilità.

Quando la sicurezza incontra la femminilità
In particolare, negli ultimi anni Sperian ha progettato e prodotto due gamme dedicate e pensate esclusivamente al femminile, caratterizzate da linee e colori ispirate al mondo della moda e senza assolutamente trascurare gli aspetti legati alla sicurezza che contraddistinguono tutti i prodotti a marchio Sperian.

E oggi, sono già numerose le lavoratrici che hanno trovato nella collezione di calzature professionali Temptation® Elite o nella gamma di occhiali di protezione Alexia™ una risposta ai loro bisogni e Sperian non pensa certo di fermarsi qui…

“E’ per noi inaccettabile che le donne debbano ancora mettere da parte la loro femminilità semplicemente perché hanno scelto una vita professionale che non corrisponde agli stereotipi! Per questo motivo abbiamo sviluppato alcune gamme specifiche, che coniugano eleganza, comfort e sicurezza. E l’impegno dell’azienda per il futuro, sarà ancora più forte per potere offrire sempre maggiori risposte ai bisogni delle donne lavoratrici.” Sottolinea Janet Dekker Senior Vice-Presidente Risorse Umane del Gruppo Sperian.

Un concorso tutto al femminile con una giuria d’eccezione: continua la collaborazione di Sperian con Oliviero Toscani
Indossare un dispositivo di protezione individuale è una realtà sempre più diffusa per numerosissime donne, siano esse chimici, capi cantiere, agricoltori, ingegneri su una piattaforma petrolifera o responsabili della manutenzione di un parco eolico. Come possono queste donne mantenere la loro femminilità nella quotidianità lavorativa? Come possono riuscire ad affermarsi in settori ancora, per la maggior parte, tradizionalmente dedicati al mondo maschile? Quali  dispositivi adottano per affrontare i rischi del loro mestiere?

Queste sono le domande che gli esperti del gruppo Sperian si pongono ogni giorno e che hanno spinto all’ideazione del concorso “Donna Sperian dell’anno”, promosso dalla filiale francesecon un sito dedicato http://femme.sperian.com, e sostenuto da annunci  web, su carta stampata, con flyers e affissione nelle sedi delle aziende partners.

Il concorso è attualmente riservato alle lavoratrici con residenza in Francia ma fa parte di un progetto più ampio che, a livello europeo, ha l’obiettivo di entrare in contatto diretto con questo mondo per scoprire da vicino la quotidianità lavorativa di queste donne, per ascoltarle, conoscerle meglio, comprenderne i reali bisogni e le aspettative e poi tradurli in una linea di dispositivi di sicurezza assolutamente affidabili ma al tempo stesso rispettosi della loro femminilità.

La « Donna Sperian dell’anno » sarà eletta, dopo una prima selezione di 10 finaliste votate via web, in una serata di chiusura che si terrà a Parigi il 14 ottobre, da una giuria d’eccezione composta da esperti riconosciuti tra i quali, in particolare, Oliviero Toscani, col quale l’azienda aveva già collaborato in occasione dell’evento WorkWear nell’ambito di Pitti Immagine Uomo 2009, curato proprio dal noto fotografo. La presenza di Oliviero Toscani nella giuria conferma che le interazioni fra il mondo della moda e del lavoro sono sempre più strette e correlate e che la donna, oggi, vuole imporre il proprio segno distintivo anche nella vita professionale, non rinunciando a dimostrare la propria personalità nel rispetto della propria femminilità.

Tra gli altri membri una bloggista francese, il capo redattore della principale testata specializzata francese nel settore sicurezza (PIC), un noto designer e il Vice Presidente delle Risorse Umane del Gruppo Sperian Protection.

La posta in palio è molto interessante, la « Donna Sperian dell’anno » oltre a diventare testimonial della prossima campagna pubblicitaria francese, riceverà esclusivi e gratificanti premi tra i quali un servizio fotografico, un soggiorno in un prestigioso palazzo parigino, un pacchetto di trattamenti in una SPA e un riconoscimento in denaro.

Una concorso innovativo per il settore sicurezza, con una formula innovativa, quella del web casting e una giuria d’eccezione per un Azienda sempre più convinta chelavorare, equipaggiarsi, proteggersi e, al tempo stesso, restare femminili sia ormai possibile e assolutamente prioritario.

A proposito di Sperian Protection
Sperian Protection è il leader mondiale per la progettazione, produzione e commercializzazione di Dispositivi per la Protezione Individuale (DPI). Presente in 5 continenti, con 6.000 dipendenti e 38 unità produttive, di cui 1 situata in Italia, il Gruppo è in grado di offrire la più vasta gamma di DPI disponibile, oggi, sul mercato mondiale tanto da poter affermare che Sperian “protegge l’uomo dalla testa ai piedi” in tutti i settori di attività potenzialmente a rischio (Industria manifatturiera, Edilizia, Telecomunicazioni, Sanità, Protezione Civile, Petrolchimica, Forestale, Esercito, Nucleare … etc.). Una mission che spinge Sperian Protection verso una costante innovazione sia grazie alle divisioni Ricerca & Sviluppo sia al continuo monitoraggio delle tendenze mondiali di mercato sia all’interazione con i clienti per garantire standard elevati di prestazioni tecniche, affidabilità e comfort. Sperian Protection, naturale evoluzione del precedente gruppo Bacou-Dalloz, sta attualmente procedendo con un importante processo di razionalizzazione dei suoi marchi, storicamente conosciuti nel settore, concentrando da 30 a 3 brand principali: Sperian (protezione occhi/viso, saldatura, protezione vie respiratorie, guanti, scarpe, abbigliamento tecnico ed invernale,…) Howard Leight by Sperian (udito) e Miller by Sperian (anticaduta). Sperian Protection è inoltre licenziatatario esclusivo Timberland® per la progettazione, produzione e commercializzazione di abbigliamento da lavoro, guanti e calzature professionali del marchio TimberlandPRO®.